Arearea

L'amore per l'arte mi è stato trasmesso, come il morbo di cui parlava Daverio ne “Il secolo spezzato delle Avanguardie”.

È passato casualmente attraverso il mio percorso di studi e si è imposto nel mio modo di leggere il mondo.

    Nella visione del quotidiano mi trovo a frugare quello che mi scorre intorno

cercando riferimenti all'arte; mi rassicura.

Anche le situazioni più inedite sembrano familiari, se riesco a tornare

in questa specie di luogo tranquillo che la lettura artistica del panorama

riesce a ricreare nella mia mente.

Ci sono quindi dei pezzi che hanno formato il mio gusto estetico, che conosco nel dettaglio, ed altri che ho apprezzato più a fondo incidendoli.

 
 

Arearea

(P. Gauguin, circa)

10 giorni dopo, finalmente soddisfatta del risultato, sono riuscita a impacchettare e consegnare anche lei.

Incisa su un foglio di Adigraf e stampata a mano in b/n dal famoso quadro di Gauguin.

Dopo tante ore passate a fissare questo dipinto, non sapete quante cose belle ci ho trovato. 

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

 

Strinsime

 

Il Giardino delle Delizie

(H. Bosch, circa)

San Valentino

(Joseph Lorusso, circa)

Quest'anno, per San Valentino,

qualcuno nella mia vita si è meritato

un regalo speciale.

La sorpresa nel vedere che anche lui

ha pensato alle mani come punto focale 

è stata immensa.

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

L'originale sta al @museoprado e

ho potuto ammirarlo nel 2017.

Dopo Arearea, che credevo di

difficile realizzazione,

con questo #capolavoro mastodontico

sono certa di aver toccato un altro

livello di difficoltà.

Si tratta del Giardino delle Delizie, di H. Bosch.